Determinare la soglia anaerobica con il test di Conconi

Il test di Conconi per la soglia anaerobica

La soglia anaerobica o soglia del lattato è un parametro importante per l’allenamento. Un test di laboratorio per determinarla è il test di Conconi.

Che cos’è esattamente la soglia anaerobica? Si tratta del livello massimo di sforzo che il nostro corpo può tollerare senza che si accumuli acido lattico nei muscoli. Questo accumulo avviene quando l’acido lattico non può più essere smaltito con i processi aerobici, cioè basati sull’ossigeno.

Il test di Conconi è uno dei test di laboratorio più utilizzati per determinare la soglia anaerobica. Per metterlo in pratica servono un tapis roulant e un cardiofrequenzimetro.
Vediamo quali sono le fasi del test di Conconi.

  1. Riscaldamento
    Come prima di ogni sforzo fisico, non deve mai mancare!
  2. Velocità minima
    Si parte da una velocità minima, che viene stabilita in base alle caratteristiche soggettive di ciascuno. Per un atleta allenato, si parte di solito da una velocità di 6-7 Km/h; se invece il soggetto non è allenato, si può partire da 4-5 Km/h.
  3. Incrementi regolari della velocità
    A intervalli stabiliti, la velocità del tapis roulant aumenta, e viene misurata la variazione di frequenza cardiaca. In caso di soggetti allenati, si aumenta abitualmente di 1 Km/h ogni 30 secondi. Si procede fino alla velocità massimale, o almeno finché il test non mostra il passaggio della soglia aerobica. Perché il test sia attendibile, comunque, occorrono almeno dieci rilevazioni.
  4. Il grafico del test di Conconi
    I valori di velocità e frequenza cardiaca vengono inseriti in un grafico. Quello che si vedrà è che la frequenza cardiaca aumenta in modo lineare fino a un certo punto, ma poi la linea del grafico cambia nettamente pendenza: quel punto segnerà la soglia anaerobica!

Al termine del test avete quindi in mano il valore della vostra soglia anaerobica. Gli atleti che svolgono un allenamento specifico per migliorarla ripeteranno il test durante la preparazione, per verificare l’efficacia del percorso che stanno facendo e la variazione della soglia aerobica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *